Nasce a Rossano Calabro nel 1992.

Si avvicina alla danza nel 2004, approcciando allo studio delle Danze Standard e Latine con i campioni italiani Alicia Russo e Carlo Mandolito FIDS e con la Danza Jazz, sotto la guida dell’ex ballerina Rai, Divina Catanzaro.

Interessatosi molto alla danza, abbandona ciò che era ballo di coppia per iniziare approfonditamente lo studio della danza classica, moderna e del Teatro Danza con Chiara Colangelo, con cui rimarrà fino al 2009.

Nel successivo A/A comincia un nuovo percorso di esclusivo approfondimento della danza Classica, Neoclassica e Partnering insieme al Maestro Bruno Verzino, primo ballerino dell’Israel Ballet.

Nell’anno a seguire, intraprende un nuovo cammino di studio della danza Classica e contemporanea, guidato da maestri quali Andrei Mihai, Josefina Andrei (rispettivamente primi ballerini dei Teatri di Bucarest e Costanta) e Maria Pizzo per il classico e con Angela Tiesi per il contemporaneo la quale è anche direttrice artistica, fondatrice e coreografa della compagnia Continuity Fluid Performers, di cui entra a far parte dal Dicembre 2012, partecipando, insieme a essa, a numerosi festival e manifestazioni tra cui Premio Stefano Valentini, diretto da Joseph Fontano, Kontejner Festival di Silvia Martiradonna e Biennale Roma 2014 tenuta dalla C.I.A.C. e molti altri.

Nel corso di questi stessi anni partecipa a vari concorsi come solista, arrivando sempre sul podio, inoltre, prende mensilmente parte a lezioni tenute presso il DAF di Mauro Astolfi.

Nel settembre del 2014, decide di lasciare la sua città di origine per intraprendere il percorso di alta formazione professionale presso Opus Ballet di Rosanna Brocanello, studiando con insegnanti quali Ilaria Landi, Bruno Milo e Giusi Santagati per il Classico e con Arianna Benedetti, Angela Placanica, Samuele Cardini, Aurelie Mounier, Rosanna Brocanello, Daniel Tinazzi e Giacomo Quarta per il modern e contemporaneo.

Nel Giugno 2015 partecipa e supera l’audizione per entrare a far parte della compagnia Opus Ballet, per la produzione “Bolero e Gaite Parisienne” firmata da Loris Petrillo.

Concluso il percorso di formazione professionale, nel settembre del 2015, viene ammesso al percorso di approfondimento e ricerca della danza contemporanea “ROS (Research Open Space) diretto da Samuele Cardini, studiando con professionisti quali Monica Baroni, Sabrina Secchi, Marina Giovannini, Elita Cannata, Gustavo Oliveira, Pietro Pireddu, Giulio D’Anna ecc… prendendo anche parte alle numerose residenze coreografiche con performance finale, previste dal corso.

 

Contemporaneamente, negli anni trascorsi a Firenze, si dedica all’insegnamento della danza contemporanea presso varie scuole della Toscana e, terminati i vari percorsi di studio della danza, decide di dedicarsi specificatamente ai ruoli di insegnante e coreografo, nelle quali trova maggior soddisfazione, ma senza del tutto accantonare il ruolo di danzatore.

Nel maggio 2017 vince il primo premio assoluto e il premio “Best Emerging Choreographer” presso il concorso “Best Dance Crew” al Teatro Greco di Roma, con la quale si aggiudica di merito una serata in cui portare una propria produzione.

A questo proposito nasce la compagnia senese Something Else, diretta dalla sua collega, di cui è coreografo e per la quale ha creato: Amore e Psiche (New Reimagining) e nel 2018 “Je Suis Carmen”.

 

Lo stile che è intento a sviluppare, cerca di coniugare al meglio il movimento fluido e dinamico nello spazio assieme alla precisione tecnica di un corpo che si muove frammentandosi.

Una versatilità stilistica che vuole mettere insieme più principi, per dar vita a un qualcosa sempre diverso e mai uguale a se stesso.